Membri Associati Italia

From KeyToNature
Jump to: navigation, search
Associate member logo.png

Il progetto KeyToNature è pronto a scambiare dati ed idee con altri progetti ed organizzazioni.

KeyToNature sta cercando istituzioni ed organizzazioni attive nel campo dell'educazione e dello studio della biodiversità, con cui collaborare per:

  • Creare una comunità di partner per facilitare la diffusione, il riutilizzo ed il miglioramento di dati e strumenti per l'educazione alla biodiversità,
  • Portare nuovi contenuti al progetto, che poi potranno essere arricchiti, migliorati, usati e riutilizzati.
  • Collaborare alla divulgazione della conoscenza della biodiversità ad ogni livello.

Il "Progetto Alberi" per i Membri Associati in Italia

Il "Progetto Alberi" è rivolto a tutti i Membri Associati di KeyToNature interessati ad acquisire strumenti didattici centrati sull'identificazione delle piante per lanciare autonomamente iniziative rivolte alle scuole.
Il progetto è rivolto a Musei Scientifici, Orti Botanici, Parchi, Riserve naturali, Centri di educazione ambientale, Enti Locali...a tutti i Membri Associati di KeyToNature che organizzano attività didattiche con e per le scuole di ogni ordine e grado.
KeyToNature può fornire loro una guida interattiva alle piante legnose (alberi, arbusti e liane) del loro territorio, consultabile in rete, CD-Rom o palmari e telefoni cellulari di ultima generazione. Un esempio di guida prodotta dal "Progetto Alberi" è visibile qui [1]
Le guide di KeyToNature non saranno però "calate dall'alto". I Membri Associati, o persino le singole scuole coinvolte nei loro progetti potranno facilmente modificarle, trasformandole nelle "loro guide", uniche ed originali.

Come aderire al “Progetto Alberi” di KeyToNature

L'adesione al "Progetto Alberi" è consigliata ai Membri Associati di KeyToNature che dispongano di almeno un esperto in Botanica. Aderire è facile: una volta richiesto ed ottenuto lo status di Membro Associato di KeyToNature [2],
basta compilare il modulo di adesione [3].
KeyToNature invierà rapidamente una lista di più di 1.200 specie di piante legnose (comprese molte specie non spontanee coltivate in parchi e giardini), da cui selezionare quelle di interesse, inviando a KeyToNature una lista più ridotta.
Nel giro di pochi giorni KeyToNature invierà una prima versione della chiave, sia in rete che in forme stampabili. A questo punto potranno essere proposte correzioni e modifiche, sulla cui base KeyToNature genererà una versione avanzata della chiave, che verrà pubblicata in rete sul sito del progetto Dryades [4], la branca italiana di KeyToNature.

Come scegliere le specie per la chiave di KeyToNature

Non c'è limite al numero di specie selezionabili dalla lista generale fornita da KeyToNature.
E' ovvio che chiavi "piccole" - con poche specie - si adattano meglio alle esigenze di utenti meno esperti, come i bambini delle scuole elementari. Tuttavia, grazie all’Open Editor di KeyToNature (v.oltre), ogni membro Associato sarà in grado di generare autonomamente chiavi più piccole a partire da quella di partenza, generata da KeyToNature.
Il consiglio è quindi: “melium abundare quam deficiere”. Tuttavia, gli orti botanici ospitano molte piante esotiche, quasi mai coltivate nei parchi e giardini d’Italia, che non appaiono nella lista di KeyToNature. Consigliamo di fornire elenchi di piante di piante presenti nella lista fornita da KeyToNature, ed utilizzabili per attività ludico-didattiche. L'aggiunta di nuove specie è possibile, ma va concordata di volta in volta.

Come modificare le chiavi di KeyToNature

Ogni chiave prodotta da KeyToNature - quando pubblicata in rete - è passibile di profonde modifiche da parte dei Membri Associati o persino da parte delle scuole che aderiscono ai loro progetti didattici grazie all' Open Editor di KeyToNature, un software facile da usare, disponibile per il download a partire dal Dicembre 2009. L'Open Editor consente di modificare profondamente la chiave originale, e di generare un numero pressochè illimitato di nuove chiavi più piccole.
Le modifiche principali che possono essere apportate ad una chiave sono:
1) Modifiche al testo, ad esempio adattando la terminologia al livello delle conoscenze botaniche degli utenti.
2) Aggiunta - per ciascuna specie - di un campo note, che può ad esempio contenere nomi locali, descrizioni, note ecologiche, note sull'origine, distribuzione, uso pratico di ciascuna pianta etc.
3) Aggiunta di disegni e/o fotografie originali.
4) Aggiunta o eliminazione di specie.
5) Generazione di chiavi più piccole - a loro volta modificabili come sopra – e quindi più facili, adatte a diversi tipi di esigenze, come la chiave alle piante dei muri di una città, di uno stagno, del giardino di una scuola, etc. Per esempio, dalla chiave ad alberi e arbusti della Provincia di Brescia sarà possibile generare una chiave per il giardino della Scuola Elementare di Serle.
6) Generazione automatica di versioni statiche di qualsiasi chiave. Tali versioni potranno essere caricate su dispositivi mobili, quali palmari o telefoni cellulari di ultima generazione per essere usate in campo senza necessità di un collegamento internet, oppure essere salvate su CD-Rom.

Come usare le guide di KeyToNature in progetti didattici

Le guide di KeyToNature sono concepite per essere usate come strumento didattico propedeutico in progetti centrati sulla scoperta dell’ambiente e della sua biodiversità. Esiste una differenza importante tra una guida che si riferisce ad un’area specifica ristretta, come un Orto Botanico in cui vengono effettuate attività didattiche con le scuole, ed una guida concepita per le scuole di un grande territorio (ad esempio a livello provinciale, commissionata ad esempio da un Museo di Storia Naturale). Nel primo caso la scelta delle specie da includere è ovviamente più semplice, nel secondo è necessario valutare se si intendono includere solo le piante legnose spontanee o anche quelle più frequentemente coltivate in parchi e giardini.
Orti Botanici, Parchi, Riserve ed Oasi con un centro visitatori – In questo caso le piante sono localizzate in un’area ristretta e ben delimitata. Si consiglia di richiedere una chiave a non più di 100 specie legnose (aumentando il numero delle specie aumenta la difficoltà della chiave). Vi sono in questo caso tre scenari tipo nell'uso delle chiavi a scopo didattico: 1) L’Orto Botanico ha in dotazione telefonini o palmari da mettere a disposizione delle scuole (massimo 5 studenti per palmare), 2) L’orto Botanico ha un centro visitatori dotato di almeno un computer collegato ad un proiettore (internet non è fondamentale in quanto si possono usare le versioni statiche per CD-Rom), 3) L’Orto Botanico non possiede nè un centro visitatori attrezzato nè di apparecchi mobili. Nel primo caso si può prendere ad esempio la "Caccia al Tesoro" sviluppata a Trieste, in cui gli studenti (spesso bambini delle scuole elementari), divisi in gruppi di 3-5, devono identificare un certo numero di piante segnalate da cartelli numerati ("orienteering") con palmari o telefonini [5]. Nel secondo caso si consiglia una strategia diversa, come quelle adottate dal Real Jardin Botanico di Madrid [6], dall’Orto Botanico di Camerino [7], o dall'Orto Botanico di Pavia [8]. Nel terzo caso si può fare ricorso alla versione stampata della chiave (per un esempio relativo alla Slovenia vedi qui: [9]).
Musei Scientifici – In questo caso le piante sono diffuse in un’area potenzialmente vasta, che nel caso di un Museo di Storia Naturale può coprire un’intera regione. Ciò può comportare la creazione di una chiave con più di 100 piante legnose, non sempre adatta all’uso da parte delle scuole elementari o dei principianti. Suggeriamo in questo caso di lanciare un “Progetto Alberi” per le scuole del territorio di competenza del Museo: l'esperto botanico del Museo - da solo o coinvolgendo una rete di esperti locali – può “adottare” un certo numero di scuole, creando per loro delle chiavi “personalizzate” (ad esempio: gli alberi del giardino della scuola). Questa strategia è stata utilizzata da KeyToNature in Friuli-Venezia Giulia, con grande successo [10]. Utilizzando l’ Open Editor di KeyToNature, il Museo sarà in grado di produrre autonomamente le chiavi semplificate per le scuole “adottate”, partendo dalla chiave generale prodotta da KeyToNature.

Diritti di proprietà intellettuale (IPR)

Gli esperti che avranno collaborato alla fornitura della lista di specie ed alle modifiche alla prima versione della chiave verranno elencati tra i co-autori. KeyToNature mantiene i diritti soltanto per le immagini e note eventualmente presenti nella versione originale, ma non sulle modifiche ed i nuovi dati aggiunti nelle versioni modificate tramite l' Open Editor. Tutte le chiavi modificate e pubblicate in rete o in altra forma dovranno portare in evidenza la seguente frase: "Questa chiave è stata generata a partire da una chiave fornita dal progetto KeyToNature e consultabile in rete all' indirizzo XY. Gli autori sono responsabili di tutte le modifiche rispetto all'originale." Chi modifica e mette in rete una chiave dovrà impegnarsi a rendere disponibili i nuovi dati aggiunti (note, fotografie etc.) con una licenza Creative Commons, da concordare con KeyToNature, che permetta a chiunque di riutilizzarli a scopo non commerciale in altri contesti, citando la fonte e l'autore.

Domande frequenti (FAQ)

Quanto costa?- Per tutti i progetti iniziati prima del 30 Settembre 2010, la generazione della chiave generale alle piante legnose e l'utilizzo dei software di KeyToNature sono gratuiti. L'unico "compenso" richiesto da KeyToNature ai Membri Associati è l'impegno a far compilare agli insegnanti che verranno coinvolti un breve formulario di valutazione disponibile sia in rete che in forma stampata sul sito di KeyToNature [11]
Possiamo vendere i CD-Rom? – La commercializzazione delle guide originali prodotte da KeyToNature non è permessa dalla licenza d’uso. I Membri Associati possono distribuire gratuitamente alle scuole un CD-Rom con la chiave originale o quella da loro modificata, curando autonomamente di assolvere agli impegni previsti per legge con la SIAE.
Solo alberi? – Progetti analoghi sono possibili anche con altri organismi: piante erbacee, licheni, muschi, pesci d’acqua dolce, uccelli, etc. Essi vanno però concordati di volta in volta con KeyToNature.
Solo chiavi? - Una delle collaborazioni più interessanti tra KeyToNature ed i suoi Membri Associati è la creazione di strumenti di e-learning propedeutici all'uso delle chiavi di identificazione e dedicati a diversi gruppi di organismi. Alcuni esempi sono il tutorial sui licheni sviluppato dal Laboratorio Permanente di Educazione Ambientale del CIRDA di Ivrea (LabCIRDA) in collaborazione con la Società Lichenologica Italiana [12], di cui esiste anche una versione in inglese adattata per un progetto del Natural History Museum di Londra e di OPAL (Open Air Laboratories) [13], oppure il quiz sui caratteri fogliari sviluppato a Trieste [14]. KeyToNature può fornire assistenza tecnica e scientifica alla realizzazione di questi importanti strumenti didattici.
Possiamo costruire una chiave noi? – Già oggi diversi Membri Associati stanno collaborando con KeyToNature alla costruzione di chiavi originali per altri gruppi di organismi (ad es. organismi marini, insetti, anfibi e rettili, etc.). La procedura è però molto più complessa in quanto comporta la creazione di una base di dati originale attravero l’uso di software complessi, che richiedono un previo addestramento da parte del personale di KeyToNature.


Membri Associati in Italia

Logonmgrande.gif
Forum Natura Mediterraneo Italia Il Forum Natura Mediterraneo è una organizzazione no-profit che fornisce accesso ad una vivace comunità di esperti ed amatori a tutti gli utenti delle guide all'identificazione prodotte da KeyToNature in lingua italiana.
Anms logofinale.png
Associazione Nazionale Musei Scientifici (ANMS) Italia L’Associazione Nazionale Musei Scientifici (ANMS), nata nel 1972, rappresenta i musei, gli orti botanici, i giardini zoologici, gli acquari e i centri interattivi di interesse scientifico in Italia. Promuove l’eccellenza nello sviluppo della museologia scientifica, favorendo la comunicazione e la collaborazione tra i musei, lo sviluppo delle professionalità museali, l’adozione di pratiche di qualità. Attualmente l’ANMS rappresenta 170 soci istituzionali e 290 soci individuali. Intende collaborate con KeyToNature nella diffusione di strumenti interattivi di identificazione nei musei scientifici italiani.
Sli logo.gif
Società Lichenologica Italiana Italia All'interno della Società Lichenologica Italiana vi è un ampio e particolarmente attivo Gruppo di Lavoro dedicato alle problematiche dell'educazione ambientale. Il Gruppo di Lavoro collaborerà con KeyToNature in attività incentrate all'identificazione dei licheni come strumento per la scoperta della biodiversià nelle scuole.
Mdf logo museo.JPG
Museo del Fiore Lazio, Italia Il Museo del Fiore (Acquapendente, Viterbo) supporterà le attività di KeyToNature nel campo dell'educazione nella regione Lazio, coordinando un network regionale di Musei Scientifici.
Logosaintpierre.gif
Museo Regionale di Scienze Naturali di Saint Pierre (Aosta) Valle d'Aosta, Italia Il Museo di Saint Pierre supporterà le attività di KeyToNature con le scuole di ogni ordine e grado in Valle d'Aosta.
LabCIRDA logo.png
Laboratorio Permanente di Educazione Ambientale del CIRDA di Ivrea Piemonte, Italia Il Laboratorio Permanente di Educazione Ambientale del CIRDA di Ivrea (LabCIRDA

Ivrea) è un centro di ricerca, educazione e sperimentazione didattica aperto ad insegnanti, studenti di ogni ordine e grado e cittadini. Ospitato presso il Parco comunale La Polveriera di Ivrea (TO), dal 1992 è parte integrante delle attività del Centro Interstrutture per la Ricerca Didattica e l’Aggiornamento degli insegnanti (C.I.R.D.A.) dell’Università degli Studi di Torino. Il LabCIRDA ha sviluppato dal 1993 una proposta didattica dal titolo Scuola, Licheni e Ambiente, ed intende collaborare con KeyToNature nello sviluppo di strumenti didattici a corredo delle chiavi interattive.

Camerino logo.jpg
Orto Botanico dell'Università di Camerino Marche, Italia L'Orto Botanico dell'Università di Camerino (Macerata, Marche) sta attivamente collaborando con KeyToNature nel coinvolgimento delle scuole, utilizzando guide interattive ai muschi ed agli alberi presenti nell'Orto.
Logohorto.jpg
Orto Botanico dell'Università di Ferrara Emilia-Romagna, Italia L'attività principale svolta dall'Orto Botanico corrisponde a quella didattico- ostensiva, collegata sia ai corsi di Botanica per gli studenti universitari che a quelli di Scienze impartiti nelle scuole secondarie. Ha inoltre un'importante funzione di supporto nella ricerca scientifica effettuata presso l' Università. Intende collaborare con KeyToNature nella creazione ed arricchimento di guide interattive a scopo didattico.
Logo-mo.jpg
Dipartimento di Biologia Animale, Università di Modena e Reggio Emilia Emilia-Romagna, Italy Il Dipartimento di Biologia Animale dell'Università di Modena-Reggio Emilia collabora con KeyToNature nella creazione di guide interattive agli artropodi - soprattuto ai principali ordini di insetti - guide che siano usabili nelle scuole d'Italia e d'Europa. Ci ha proposto di sviluppare dei moduli di e-learning sugli insetti in generale, su quelli più comuni nelle città, su quelli importanti a scopi applicativi (ad esempio nel campo dell' entomologia forense).
HerbariumOrtoBotSiena.gif
Museo Botanico Università di Siena Toscana, Italy Il Museo Botanico dell'Università di Siena comprende l'Orto Botanico e l'Erbario ed è gestito dal Dipartimento di Scienze Ambientali dell'Università. L'Orto Botanico è visitato regolarmente da scuole e dagli studenti universitari. Il Museo intende collaborare con KeyToNature nella creazioone ed uso di strumenti interattivi dedicati al'identificazione delle piante.
Logofoiano.png
Comune di Foiano della Chiana Toscana, Italy Il Comune di Foiano della Chiana (ca. 10.000 abitanti, provincia di Arezzo) è il primo Comune d'Italia che si associa a KeyToNature. Intende lavorare con noi nella creazione di guide a piante, animali e funghi, utilizzabili dalle scuole o da qualsiasi cittadino 'curioso di natura'.


AicsStandard.gif
Comitato Provinciale AICS di Bologna, Sezione Ambiente Emilia-Romagna, Italy L'AICS (Associazione Italiana Cultura Sport) nasce nel 1962 come ente nazionale di promozione sportiva e nel corso degli anni ha esteso la propria attività alle aree della cultura, delle politiche sociali, del terzo settore, del turismo, dell'ambiente, della protezione civile e della formazione. Il Comitato provinciale di Bologna ha istituito nel 2006 la Sezione Ambiente, costituita da agronomi e naturalisti, che si occupa prevalentemente di educazione ambientale, con particolare attenzione alla vegetazione arborea. Intende collaborare con KeyToNature nella creazione di strumenti didattici per l’identificazione della biodiverità locale.


Procedure per l'ammissione di Membri Associati

Qualsiasi Organizzazione ed Istituzione può chiedere di diventare Membro Associato del progetto KeyToNature. L'interesse può essere espresso tramite e-mail, o con una comunicazione scritta, al Coordinatore del Progetto. I Membri Associati possono partecipare alle attività, quali meeting e convegni, di KeyToNature, ma senza un supporto finanziario diretto della Comunità Europea. Il Coordinatore di KeyToNature può decidere caso per caso se un rappresentante di un Membro Associato debba ricevere un supporto finanziario in qualità di Esperto Invitato.

Le procedure per l'ammissione di un Membro Associato sono:

  • La proposta di associazione deve pervenire da una specifica Organizzazione o Istituzione, o deve essere fatta da un altro Membro del consorzio. Tutte le proposte devono essere inviate al Coordinatore di KeyToNature, e devono contenere le seguenti informazioni:
    1. L'esatta tipologia dell'Organizzazione / Istituzione.
    2. Un programma di attività che abbia una attinenza con gli scopi di KeyToNature.
    3. Un commento sul valore aggiunto che l'Organizzazione / Istituzione potrebbe dare a KeyToNature.
    4. Una breve descrizione del modo in cui l'Organizzazione / Istituzione contribuirà al raggiungimento degli obiettivi che KeyToNature si prefigge.
  • Il Coordinatore del End-users Advisory Board (Dr. Tiina Randlaane) ed i Coordinatori dei Work Package potenzialmente interessati dovranno definire, in collaborazione con il proponente, le possibili attività del nuovo membro del consorzio.
  • Questi propositi saranno discussi dal Comitato Ristretto di KeYToNature.
  • Dopo aver ascoltato tutte le dovute opinioni e considerazioni, il Coordinatore deciderà sull'ammissione del nuovo Membro Associato. Queste procedure verranno comunque svolte entro trenta giorni dalla ricezione della richiesta di ammissione. L'associazione potrà essere revocata in qualunque momento ad insindacabile giudizio del Coordiantore.
  • Una Lettera di Intenti verrà redatta e firmata sia dal Coordiantore di KeyToNature che da un rappresentante del nuovo Membro Associato.
  • La Commissione Europea e tutti i membri di KeyToNature saranno successivamente informati dell'associazione del nuovo Membro.

Il ruolo dei Membri Associati

I Membri Associati vengono coinvolti nelle discussioni interne al progetto, ed hanno accesso ad aree riservate del portale di KeyToNature. Sono inoltre chiamati ad essere parte attiva del progetto, pur senza arrivare allo stesso livello di coninvolgimento diretto dei Partner Ufficiali, ad esempio:

  • adottando standard e soluzioni comuni per migliorare usabilità ed interoperabilità dei nuovi strumenti digitali nel campo dell'educazione,
  • fornendo contenuti di una certa rilevanza al progetto,
  • sviluppando una rete di attivo interscambio di conoscenze con gli altri membri del consorzio,
  • promuovendo la sperimentazione nelle scuole dei nuovi strumenti pedagogici sviluppati all'interno del progetto,
  • collaborando alle attività di diffusione dei nuovi strumenti di educazione alla biodiversità.

L'ammissione di nuovi membri non influirà in alcun modo sul budget del progetto. Non ci sono infatti obblighi o vantaggi economici per i Membri Associati, i quali potranno eventualmente solo richiedere ad uno o più dei Partner ufficiali del progetto rimborsi per spese di viaggio relative allo svolgimentoi di specifiche mansioni nell'ambito del progetto stesso. Tali rimborsi dovranno essere concordati tra le parti interessate prima che le attività per le quali viene richiesto un rimborso siano intraprese. I Membri Associati non hanno diritto di voto all'interno del Comitato Ristretto di KeyToNature.

Benefici derivanti dall'essere Membri Associati

KeyToNature garantirà ai Membri Associati:

  • l'opportunità di accedere a nuovi strumenti digitalin e di e-learning per l'insegnamento sviluppati per le scuole di tutta Europa
  • la possibilità di usare il logo di KeyToNature per le attività collegate al progetto
  • l'accesso ad una massa critica di risorse per l'educazione ambientale fornita da editori pubblici e commerciali, e da altri sviluppatori selezionati
  • la possibilità di partecipare ad eventi, workshop e convegni
  • un continuo flusso di informazioni su popolarità ed efficacia dei nuovi strumenti educativi, derivanti dalle sperimentazioni svolte nelle scuole di tutta Europa
  • la partecipazione alla comunità di the KeyToNature per trovare, sviluppare e condividere nuove strategie educative
  • l'opportunità di collaborare a definire i modi in cui, nel futuro, si farà educazione ambientale nelle scuole Europee
  • la possibilità di essere coinvolti in futuri progetti che continueranno questa affascinante avventura


L'Espressione di Interesse (EoI) deve essere indirizzata a:

Al Coordinatore del Progetto KeyToNature
Prof. Pier Luigi Nimis
Dipartimento di Scienze della Vita
Università di Trieste
Via L. Giorgeri 10
34127 Trieste
Tel: 040 5583884
nimis@units.it

Form standard per l'Espressione di Interesse